Il Solitario
Marlene Kuntz Lyrics


Il solitario, in assenza di loquacità
È avvoltolato in un enigma,
Siede pensoso al limite della realtà
Accavallando le sue lungha gambe.

Lo puoi notare perchè è un indecifrabile

Porta il suo sguardo negli accessi cosa non si sa
E li pervade di fascino;
Si tocca il mento e si schermisce alla gestualità
Di chi sta accanto e lo incomoda.

Lo puoi giurare in sintonia con i fatti suoi,
Quand'anche siano sostanzialmente guai,
Perchè nel suo mondo è pace
Ed è per questo che lui lo abita.

Il solitario, in gran miseria di calorosità,
Sta bene al largo di un dilemma che prima o poi avrà
E non si chiede come tutta la faccenda finirà.
No: non si chiede come finirà.

E non si chiede se l'amore che non dà
Si vestirebbe un giorno di fatalità
(Lo stesso amore che non prende
E che vestito a lutto a prenderlo verrà;
Lo stesso amore che non prende
E che, bellissimo, a prenderlo verrà)

Contributed by Mackenzie R. Suggest a correction in the comments below.
To comment on specific lyrics, highlight them
Genre not found
Artist not found
Album not found
Song not found
Comments from YouTube:

Giaculatorie

Un pezzo magnifico....che descrizione splendida

daniele gandellini

secondo me una delle migliori dei MK.

Yilaw

@Giaculatorie davvero una gran canzone!!!

alessandro PAPA

Capolavoro

Rocco Scarinci

che bella ...ri-scoperta.... grazie, Morrison...