About Petru Guelfucci U lamentu di cursichella: We need your help!

  • I can comment on it

  • I know the meaning

  • I can review it

  • I can translate it

Skip to video »
Genre not found
Artist not found
Album not found
Song not found
U lamentu di cursichella
by Petru Guelfucci

Cursichella sventurata,
Mamma di tanti figlioli,
Sarè prestu abbandunata
Si qualchi rimedi'un trovi,
Per tene vicinu a tè,
I to frutti vecchj e novi.

Tutti li to figliulacci,
Partenu a circà furtuna,
Un hai più contu a facci,
Ne mancu speranz'alcuna,
Almenu che t'un ti servi
Di a pastoghja o di la funa.

Si ne vanu a lu stranieru,
Cume veri spatriati,
Di tè un hanu più penseru,
Ne di duv'elli sò nati,
Quelli valurosi Corsi,
Pè a Patria sacrificati.

Parlu di Napulione,
Quellu fieru Imperatore,
Curona di Nazione,
Omu di tantu valore,
Figliolu di Cursichella,
Chi l'hà fattu tantu onore.

Chi ne pinsarà Sampieru, De Paoli e Sambucucciu,
Videndu lu so Imperu,
Minacciatu dà per tuttu,
A ruvina è generale
E sparisce fondu e fruttu.

Un c'è più Corsi di sanna,
Chi so sgherzi di natura,
Di la so povera Mamma
Oghje un hanu più primura,
Ma la vergogna è per elli,
S'ella more di malcura.

Facciu un'ardente preghera
E la mandu a Santa Stella,
S'ellu ci fussi manera,
- Chi per avale è zitella -
D'allungà un pocu la vita
Di la nostra Cursichella.

Finiscu lu to lamentu,
Chi troppu male mi face,
Mi scappa guasi lu pientu,
Ne soffru eppo mi dispiace,
Chi tu marchj, O Cursichella,
Versu u ''Requiescant in Pace''...

Contributed by Audrey T. Suggest a correction in the comments below.
To comment on specific lyrics, highlight them.

More Videos